Economia

Uil: “Impennata di voucher a Terni nel 2016”. Venturi: “Contrastare la precarizzazione del lavoro”

TERNI – In un anno l’uso dei voucher in provincia di Terni è aumentato del 37.4% passando dai 390.282 del 2015 ai 536.262 del 2016. Un aumento superiore in percentuale a quello regionale umbro (25.4%) e a quello nazionale (26.3%). Lo dice il terzo rapporto “voucher” elaborato dal Servizio Politiche del Lavoro della Uil Nazionale.
Per il sindacato “il sistema del voucher presenta un alto rischio di abuso e di distorsione nell’applicazione reale e rappresenta non tanto, come voleva essere, un meccanismo di emersione dell’economia dei “lavoretti” bensì invece un’immersione di attività regolate da contratti, certamente flessibili, ma sicuramente “garantisti” per il lavoratore in termini di protezione sociale, previdenza, garanzie occupazionali”.
La Uil ricorda che il legislatore ha anche “ampliato il campo di applicazione del voucher sia estendendola a più settori sia consentendone l’uso a qualunque tipo di committente, sia esso imprenditore che non”.
In Italia l’utilizzo del voucher riguarda circa un milione e mezzo di lavoratori con 145 milioni di voucher venduti nel 2016. Su un numero complessivo di occupati di oltre 22 milioni di lavoratori, circa 8 su 100 sono stati retribuiti con almeno 1 voucher; questa quota aumenta se rapportata agli oltre 17 milioni di occupati dipendenti (10 su 100).
Secondo la Uil i settori in cui i voucher ha prodotto più danni sono l’industria, l’edilizia, il terziario, i servizi e il turismo. rapporti di lavoro. Per Gino Venturi, segretario della Uil di Terni: “Occorre porre maggiore attenzione nel vasto mondo che sta nel mezzo tra il lavoro autonomo vero e quello subordinato, caratterizzato da lavori senza regole, con retribuzioni unilateralmente decise dal datore di lavoro e tutele sociali quali nulle. E’ indispensabile metter in campo ogni energia per contrastare la dilagante precarizzazione del lavoro”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button