Cronaca

Terni, violenta lite in un bar: picchiano due fratelli italiani, arrestati tre rumeni

TERNI – Si recano al bar di prima mattina e iniziano a bere birra e giocare a slot machine. Il loro comportamento infastidisce due fratelli che fanno colazione e scoppia una violenta rissa. E’ accaduto verso le 8 di questa mattina in un bar nel quartiere San Giovanni. Solo l’intervento tempestivo della squadra volante ha impedito che la lite avesse conseguenze ben più gravi. Protagonisti tra tre cittadini rumeni e due italiani. I poliziotti, sopo aver riportato la calma, hanno accertato che la lite era scaturita dal fatto che i tre rumeni del 27, 24 e 20 anni residenti a Terni, si sono recati al bar sin dalle prime ore del mattino ed avrebbero iniziato a giocare con le slot machine e a bere birra. Verso le 8,00 a seguito di comportamenti molesti, i due fratelli italiani, recatisi al bar a fare colazione, li avrebbero invitati a tenere un comportamento più consono e a non urlare. A quel punto i tre, probabilmente alterati dall’alcol, hanno replicato e di lì a poco sono venuti alle mani. La violenta lite si è poi spostata all’esterno del bar dove hanno messo a soqquadro sedie e tavoli. I due fratelli italiani sono stati accompagnati dal 118 al pronto soccorso, mentre i tre rumeni sono stati condotti in Questura. Sulla base degli accertamenti svolti da personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, sentito il pubblico di turno Raffaele Iannella, sono stati arrestati per lesioni pluriaggravate dai futili motivi e dal lancio di oggetti contundenti, nello specifico un casco e delle sedie. Uno dei tre arrestati svolge attività di cameriere in un bar del centro mentre gli altri due risultano disoccupati, uno dei tre è già gravato da precedenti di polizia per reati contro la persona. Uno dei due italiani ricorsi alle cure dei sanitari del pronto soccorso dovrebbe aver riportato lesioni al volto con probabile frattura dello zigomo. I tre arrestati saranno giudicati domani mattina presso il Tribunale con rito per direttissima.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button