Attualità

Terni, morta Marina Casagrande. Il sindaco: “Ha dato tanto al ruolo internazionale della città”

TERNI – Lutto a Terni per la morte di Marina Tedesco Casagrande, amante della musica e del pianoforte in particolare, conosciuta in città per il concorso pianistico omonimo.
“La professoressa Maria Tedesco Casagrande, per tutti noi Marina, è stata una figura di primo piano per la città – ricorda il sindaco Leopoldo Di Girolamo – ha guidato le attività della Fondazione e soprattutto del Concorso pianistico internazionale per più di venti anni, in particolar modo dopo la morte della cognata Adriana Morelli Casagrande. Il suo grande impegno, la sua assoluta dedizione, il suo tocco gentile e la sua maestria hanno contraddistinto e fatto crescere, in Italia e in tutto il mondo, una competizione culturale che si può annoverare tra le più prestigiose a livello pianistico internazionale. Terni perde una concittadina illustre, che ha contribuito alla diffusione e alla valorizzazione della musica classica tra i giovani, che ha lanciato moltissimi strepitosi talenti, ormai grandi nomi del pianismo, accompagnandoli nella loro carriera quasi come una madre; una donna che ha fatto conoscere la nostra città e che ha dato un apporto sostanziale al ruolo internazionale di Terni. Porgo alla famiglia, ai suoi discepoli, ai tanti estimatori le condoglianze e la vicinanza della nostra comunità”.
Domani verrà allestita nella sala del consiglio comunale la camera ardente dalle 10 alle 14. Alle 15, nella chiesa di San Francesco, verrà celebrato il funerale.
Maria Tedesco Casagrande, nata a Terni il 3 luglio 1934, Marina per amici e parenti, insegnante di francese per tanti anni in diversi licei cittadini, era la vedova di Franco Casagrande, atleta ternano al quale è intitolato il Camposcuola di Terni e fratello di Alessandro Casagrande, pianista e compositore. Dal 1966, anno in cui si svolge la prima Edizione del Concorso Pianistico Internazionale Alessandro Casagrande, per onorare la memoria dell’artista prematuramente scomparso, guida e dirige la competizione culturale insieme alla cognata Adriana Morelli Casagrande. Il Concorso negli anni cresce in fama e successi, ospita giurie internazionali sempre più prestigiose e rinomate, laurea giovani strepitosi talenti che faranno carriere importanti. Nel 2002 viene creata la Fondazione Alessandro Casagrande e Marina ne diventa il presidente. Due anni dopo scompare Adriana Casagrande e Marina si assume pienamente il ruolo di manager ampliando i contatti con tutte le organizzazioni musicali più importanti in Italia e nel mondo. Ha rappresentato per ben sette anni l’Italia nel consiglio direttivo della Fédération Mondiale Des Concours Internationaux de Musique. con sede a Ginevra, l’organismo più rappresentativo nel settore dei Concorsi Internazionali di Musica, portando il Casagrande a livelli qualitativi molto alti. Insignita di molti premi e riconoscimenti per l’attività svolta, viene ricordata dal mondo musicale come una talent scout attenta, premurosa, gentile, dalla personalità luminosa e positiva.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button