AttualitàPolitica

Sindaco di Terni, spunta un secondo avviso per omessa bonifica

TERNI – Un altro avviso di richiesta di proroga delle indagini preliminari, relativamente al reato di omessa bonifica o ripristino dello stato dei luoghi, è stato notificato al sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo dopo quello di ieri per associazione a delinquere e la turbata libertà degli incanti nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti. A renderlo noto è lo stesso sindaco “nell’ottica – come spiega egli stesso in una nota – di un rapporto di massima trasparenza con la comunità di cui sono sindaco”. Il primo cittadini risulta iscritto nel registro degli indagati dallo scorso 27 aprile scorso per il reato di cui all’articolo 452 terdecies del codice penale (il reato di omessa bonifica di recente introduzione ndr.).
“Non posso essere più preciso – scrive ancora Di Girolamo – in quanto non sono a conoscenza di nessun altro elemento e sono nella impossibilità formale e sostanziale di dettagliare ulteriormente la fattispecie legale, anche in ordine ai fatti materiali a cui si possa fare riferimento”.
Non è chiaro, al momento dunque, se si tratta di un filone dell’inchiesta appalti che ha portato all’Operazione Spada o a una nuova inchiesta.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button