Cronaca

Salva la magia del Natale con le fiabe itineranti di Stefano de Majo e la squadra speciale di pronto intervento

La magia del Natale non si è fermata con la pandemia. Le fiabe natalizie di Stefano de Majo, tratte dai “Racconti del Ciocco” hanno raggiunto l’ospedale, il centro geriatrico e le abitazioni private con la formula di uno spettacolo itinerante reso possibile grazie alla collaborazione della polizia di Stato, dei vigili del fuoco e del personale sanitario.


Per mantenere il distanziamento, Stefano de Majo, poliziotto attore, si è avvalso dell’autoscala dei pompieri scortata dalle volanti della Questura di Terni, come appare nell’originale locandina artistica eseguita per l’occasione da Mario Napoletti e Gladys de la Raba. L’abito da narratore, invece, è stato confezionato dal laboratorio di sartoria dell’Ipsia di Terni.

Gli uomini e le donne delle forze dell’ordine e del pronto intervento, da sempre abituati a fronteggiare le emergenze sul territorio, hanno compiuto un’operazione speciale in questo triste Natale di pandemia, attraverso le fiabe, accendendo sorrisi dalle finestre e invitando a rispettare il distanziamento per ritornare presto tutti insieme nella fiaba reale della vita normale.

La mattina di Natale, al richiamo della zampogna suonata come una sirena da Marco Baccarelli, polistrumentista e ricercatore delle antiche tradizioni orali del nostro territorio, i mezzi della polizia e dei vigili del fuoco hanno affiancato le ambulanze e sono entrate nel piazzale dell’ospedale di Terni.

Si sono posizionate dapprima nel piazzale sottostante il reparto pediatria per portare doni e sorrisi e raccontando una prima fiaba, interpretata de Majo per poi spostarsi nel piazzale opposto e utilizzando l’autoscala il cantore del Natale è salito in alto in modo da esser visto e ascoltato dai vari reparti in tutti i 6 piani.

Al suo fianco in cima alla scala, l’attore ha avuto un particolare musicista, un pompiere in divisa, Manuel Trotti, eccellente sassofonista diplomato al conservatorio Morlacchi di Perugia con esperienze sia nella banda nazionale dei vigili del fuoco che in diverse formazioni jazz con esperienze internazionali.

Dopo l’ospedale la squadra speciale di Pronto Intervento del Natale, si è spostata presso l’abitazione del piccolo Andrea, il bambino di 8 anni affetto da una rara malattia, solo 20 casi al mondo, che non gli permette di alzarsi dal letto e deve essere assistito ogni due ore anche di notte dai genitori rimasti senza assistenza.

La scala questa volta ha portato il duo narratore e pompiere di fronte alla finestra di Andrea con un inedito racconto personalizzato che andrà ad arricchire i già nutriti Racconti del Ciocco.

Dopo la sosta presso la finestra di Andrea, la squadra di poliziotti e vigili del fuoco hanno attraversato le vie cittadine per recarsi sino al Centro Geriatrico di Colle Rolletta a far visita alle finestre degli anziani affetti da Covid, perché soprattutto a Natale, come dice il narratore, “Le fiabe non sono solo per i bambini e la nostra forza è nei vostri sorrisi”.

Related Articles

Back to top button