Politica

Provincia di Terni, riorganizzazione ok: sforbiciata sulla spesa del personale

TERNI – Il primo atto della presidenza targata Lattanzi è l’approvazione della riorganizzazione della Provincia. Giampiero Lattanzi, già vice presidente dell’ente, in settimana ha assunto l’incarico di presidente prendendo il posto del dimissionario Di Girolamo. E proprio in questi giorni l’amministrazione provinciale, le rsu e i sindacati hanno dato il via libera alla riorganizzazione dell’ente. Riorganizzazione che si fonda sui seguenti cardini: tre soli dirigenti, snellimento strutturale, riduzione della spesa del personale, per trasferimenti e pensionamenti, servizi ai Comuni e mantenimento di elevati standard di prestazioni. La nuova Provincia si basa su 175 unità, compresi i dirigenti, regola le sue funzioni sulla legge Delrio, mantiene un corpo di polizia provinciale e prefigura tre grandi aree funzionali:  giuridico-tecnica, tecnica e finanziario-patrimoniale, con al vertice il presidente della Provincia, il Consiglio provinciale e il segretario generale. La mission della nuova Provincia di Terni sarà quella di ente di area vasta secondo la legge di riforma e in coordinamento diretto con la Regione dell’Umbria.
“La riorganizzazione è un importante passo in avanti verso il nuovo ente concepito dalla riforma Delrio – commenta il presidente Giampiero Lattanzi (ha assunto l’incarico proprio in questi giorni dopo le dimissioni di Di Girolamo ndr.) – che razionalizza le spese, valorizza al massimo i lavoratori e garantisce servizi di qualità. Insieme ai dirigenti, alla rsu e ai sindacati abbiamo operato in armonia e fatto un buon lavoro di squadra che oggi prepara la Provincia alle nuove sfide. L’ente di area vasta saprà interpretare le richieste che provengono dal cittadino e dalle comunità provinciali ed avrà la funzione fondamentale di coordinamento e supporto per i Comuni del territorio. Fra i numerosi elementi positivi della riorganizzazione ci sono obiettivi importanti come quelli del risparmio senza pregiudicare i servizi e del mantenimento di un corpo di polizia provinciale”.  Presidente e dirigenti fanno infine notare che “proseguono in maniera positiva e costruttiva le trattative con rsu e sindacati per dare piena attuazione in tempi rapidi alla nuova organizzazione”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button