Attualità

Ospedale di Narni, il vicesindaco Mercuri: “Risultati deludenti”, scatta lo sciopero della fame

NARNI – Il vicesindaco, Marco Mercuri, inizia lo sciopero della fame per protestare contro l’immobilismo e lo stato di incertezza intorno al futuro dell’ospedale cittadino. “Dopo la chiusura del punto nascita, in un’ottica di riqualificazione – dice Mercuri – da un anno a questa parte non è successo nulla. I risultati sono deludenti e gli operatori lavorano sotto organico”.
“Totale sostegno e massima solidarietà al vicesindaco socialista di Narni Marco Mercuri per la sua iniziativa a difesa dell’ospedale narnese”, è stata espressa dal Partito socialista umbro attraverso la segreteria regionale e quella provinciale di Terni. “Riteniamo – commentano i socialisti – assolutamente legittima l’iniziativa dell’assessore Mercuri, costretto a mettere in atto una clamorosa protesta per portare all’attenzione degli organi politici regionali e dell’opinione pubblica l’ormai insostenibile situazione di incertezza sul futuro del nosocomio narnese. Più volte Mercuri ha sottoposto agli organi competenti, Regione Umbria e direzione generale dell’Usl 2, la richiesta di informazioni circa lo stato di attuazione dei progetti di potenziamento dell’ospedale di Narni. Purtroppo, a queste legittime richieste da parte di un amministratore che ha a cuore il futuro del territorio non sono mai arrivate le dovute risposte”. “Stando ai ripetuti annunci – proseguono i socialisti –, la chiusura del punto nascita, elemento di forza di questa struttura sanitaria, doveva essere bilanciata da un potenziamento degli altri servizi sanitari. A oggi, nulla si sa di questi progetti, come la chirurgia programmabile che sarebbe servita anche a sgravare l’ospedale di Terni di una parte del proprio lavoro”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button