Attualità

Monte Peglia, Daniele Nicchi (Lega) chiede una verifica della concessione d’uso

“Mi sono pervenute numerose segnalazioni da cittadini preoccupati dalle condizioni in cui versa il sito di Monte Peglia, ecco perché ho portato l’istanza dei cittadini in Consiglio Regionale”.

E’ l’esordio in assemblea del Consigliere Regionale e presidente della prima commissione Daniele Nicchi che è intervenuto oggi in assemblea legislativa per sostenere le istanze di tanti cittadini per il sito di Monte Peglia.

Ha proseguito Nicchi: “Oggi in Consiglio ho presentato un’interrogazione alla Giunta regionale riguardante la verifica della concessione d’uso Parco sette Frati e strutture connesse”.

Questo sito sul Monte Peglia è stato dichiarato Riserva mondiale della biosfera dall’Unesco, un riconoscimento che per il nostro territorio non rappresenta solo un’importante opportunità turistica, ma offre anche numerose occasioni ai giovani e all’impresa sostenibile in un luogo purtroppo connotato da spopolamento.

Nel 2017 l’AFOR ha sottoscritto una concessione in uso pluriennale con la società “WAO Sustainable Solutions Srls”, che in questo sito organizza ogni anno un maxi-evento di più giorni di musica rock, techno e altro. Da quanto si rileva dalla concessione gli obblighi in capo al concessionario sono numerosi e riguardano soprattutto l’adeguata e costante manutenzione ordinaria del sito, l’organizzazione di iniziative promozionali, la cura di un magnifico campo di lavanda che occupava quasi mezzo ettaro e la funzionalità di alcuni servizi ad uso turistico.

Il consigliere leghista ha concluso: “Mi sono pervenute numerose segnalazioni da cittadini preoccupati dalle condizioni in cui versa il sito in questione e che ci chiedono dunque di fare chiarezza circa il corretto adempimento degli obblighi contrattuali, nonché di valutare ulteriormente la compatibilità dell’evento con la vocazione naturalistica dell’area.

Il nostro obiettivo non è quello di ostacolare l’organizzazione di eventi sul nostro territorio, ma vogliamo essere certi che qualsiasi concessione ed evento organizzato sia mosso anche dalla volontà di tutelare un patrimonio ritenuto dall’Unesco come mondiale e che possa favorire le attività locali e i cittadini in un’ottica di arricchimento di nuove esperienze, occasioni e servizi”.

Related Articles

Back to top button