Cronaca

Meredith, Sollecito chiede il risarcimento danni. A gennaio la decisione

La Corte d’appello di Firenze ha rinviato a gennaio la decisione in merito alla richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione avanzata da Raffaele Sollecito. Il giovane che ha trascorso in carcere quasi 4 mesi dopo essere stato coinvolto nell’indagine sull’omicidio di Meredith Kercher, assolto definitivamente in Cassazione insieme ad Amanda Knox, chiede 516mila euro di risarcimento.
I giudici fiorentini hanno deciso di acquisire tutti gli atti relativi ai vari gradi di giudizio. Dopo l’udienza fissata per il 27 gennaio avranno cinque giorni per decidere.
La procura generale e il ministero delle Finanze, attraverso i loro rappresentanti, si sono opposti alla concessione del risarcimento sostenendo tra l’altro che alcune dichiarazioni di Sollecito agli investigatori e il fatto che portasse in tasca un coltellino a serramanico portarono al suo arresto. Arrestati il 6 novembre del 2007, Sollecito e Amanda Knox vennero scarcerati il 4 ottobre del 2011 dopo essere stati assolti in appello. Sentenza poi annullata dalla Cassazione che dispose un nuovo processo di secondo grado celebrato a Firenze e terminato con la condanna dei due giovani. Fu quindi una nuova pronuncia della Cassazione ad assolvere in maniera definitiva i due.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button