Politica

Manuela Puletti a capo del Dipartimento sicurezza della Lega Umbria

Manuela Puletti, referente Lega della provincia di Perugia, è stata nominata a capo del Dipartimento immigrazione e sicurezza del partito in Umbria.

“In bocca al lupo a Manuela Puletti per questo incarico – commenta il segretario Lega Umbria, on. Virginio Caparvi – perché insieme al nostro sottosegretario Nicola Molteni si possa riportare buonsenso nella gestione di un fenomeno migratorio che non può essere lasciato solamente all’Italia, ma che deve vedere il coinvolgimento di tutta l’Europa. Anche in Umbria faremo la nostra parte”.

“Ringrazio il segretario Caparvi e i vicesegretari Riccardo Augusto Marchetti e Valeria Alessandrini per aver pensato a me come figura idonea a ricoprire questo ruolo” afferma Puletti.

“Per la Lega – aggiunge -, sicurezza e immigrazione sono battaglie identitarie e fondamentali, lo ha dimostrato Matteo Salvini Ministro dell’Interno durante il Conte 1, lo sta dimostrando oggi la nomina nel Governo Draghi di un sottosegretario al Ministero dell’Interno come Nicola Molteni, il cui lavoro si sta rivelando determinante per contenere le politiche dei porti aperti tanto care al ministro Lamorgese.
 

Sicurezza e immigrazione rappresentano due punti fermi anche per i nostri amministratori locali, penso a Perugia dove la Lega, grazie all’assessore alla sicurezza e al lavoro congiunto con consiglieri comunali e prefetto, è riuscita a portare dopo anni, l’esercito a Fontivegge e a garantire un maggior controllo del territorio, è sempre grazie alla Lega se Perugia avrà presto un’unità cinofila. Ho citato Perugia come capoluogo di provincia, ma tutti gli amministratori Lega, da Umbertide, a Marsciano, Foligno, Giano dell’Umbria, Terni, Cannara, Todi hanno più volte dimostrato di tenere alta l’attenzione sia sul fronte sicurezza sia sul fronte immigrazione. Cercherò di onorare al massimo questo mio ruolo – conclude Puletti – forte anche dell’esperienza maturata al Ministero dell’Interno, durante il Conte 1, con il sottosegretario Candiani”. 

Related Articles

Back to top button