Sport

La Valentiniana: nel week-end cicloturismo, vintage e natura. Prima tappa del Grand tour

TERNI – Torna, anche quest’anno La Valentiniana, manifestazione cicloturistica non competitiva con l’obiettivo di riscoprire i luoghi più suggestivi del ternano e del reatino utilizzando la mobilità sostenibile: sabato vari appuntamenti nel centro di Terni e domenica la corsa con partenza e arrivo a Piediluco.

“Accanto alle biciclette d’epoca – spiega Gino Iaculli presidente de La Valentiniana – sono previsti percorsi anche per le biciclette gravel. La passione per la bicicletta, che sia essa antica o moderna, la riscoperta del territorio dal punto di vista turistico, enogastronomico, la valorizzazione delle bellezze naturalistiche, rappresentano gli elementi chiave dell’evento”.

La Valentiniana 2017 sarà dedicata a Gino Bartali, il campione del ciclismo. A dare la partenza alla ciclostorica sarà Lisa Bartali che utilizzerà la stessa bandiera con la quale il fuoriclasse toscano avviava le corse dopo aver smesso con le gare agonistiche. “Ci aspettiamo – continua Iaculli – che arrivino a Terni almeno 300 partecipanti”.

La Valentiniana prevede quattro percorsi: due per le biciclette d’epoca e due per le gravel. Il percorso più lungo per quelle d’epoca è di 83 chilometri, parte da Piediluco, si addentra nel territorio del Reatino, per poi andare a Marmore, quindi a Terni alla Basilica di San Valentino, per poi proseguire verso la Cascata delle Marmore, Arrone e rientro a Piediluco. Il percorso corto è invece di 47 chilometri.

Per le biciclette gravel i percorsi misurano 97 e 59 chilometri e si sovrappongono per buona parte con quelli storici con cui condividono alcuni tratti sterrati.

La Valentiniana è riservata ai tesserati ciclosportivi e cicloturisti. Caratteristica in comune dei percorsi corti riguarda l’arrivo a Piediluco. Non avverrà via terra, bensì in battello.

“I tracciati più brevi – ha dichiarato Gino Iaculli – si fermeranno al fosso di Leonessa, i partecipanti saliranno sulle imbarcazioni e arriveranno nella frazione ternana via lago. Stiamo allestendo un molo proprio per questo motivo. Quest’anno la manifestazione è stata anticipata di un paio di mesi, abbiamo deciso in questo modo di far passare il messaggio che in Umbria si può tornare, in un momento delicato a causa del terremoto. Vogliamo far tornare le persone”.

Sabato mattina tra le vie del centro storico della città sarà organizzato il Tweed ride, la competizione in bici con abbigliamento vintage aperta a mezzi (costruiti tra il 1900 e il 1990) da passeggio o da corsa. Quattro le premiazioni previste: best dressed lady, best dressed gentleman, best bicycle e best moustache, uomo e donna. La manifestazione – organizzata da Ferruccio Ciferni – è patrocinata dalla Fiab, la Federazione italiana amici della bicicletta, un’associazione di protezione ambientale per la mobilità ciclistica, cicloturistica e del cicloescursionismo.

Terminato il Tweed ride, ci si sposta nel pomeriggio di sabato in bct per un doppio evento. Alle 17.30 – caffè letterario – Giancarlo Brocci presenta il suo libro “Bartali, il mito oscurato”, a seguire, alle 18.30 la compagnia Al Ladro, metterà in scena Bartali, l’ultimo degli eroici. A tutto ciò si aggiungono le mostre dei pittori Luciano Rizzo e Miguel Soro García e l’esposizione in piazza della Repubblica delle auto storiche, a cura del Borzacchini Historic di Giorgio Natali. La Valentiniana anche quest’anno dà il via al Il Grand Tour Storico e Gravel: la manifestazione umbra-reatina aprirà il programma di un tour in 9 corse che toccheranno diverse regioni del centro nord Italia con i suoi gioielli paesaggistici.

“Sport e natura – ha commentato Moreno Rosati, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale – ancora insieme per la promozione del territorio. Di questa manifestazione mi colpisce in particolar modo la cura dei dettagli e voglio sottolineare che Terni, nel weekend, potrà vivere molti eventi: ci saranno infatti anche due concerti, il sabato i Miserere, un gruppo ternano – coverband di Zucchero – e, il giorno successivo, quello in ricordo di Lorenzo Massarelli”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button