AttualitàFatti del giorno

La presidente Tesei: “La variante brasiliana rischia di diventare il nuovo mostro”

“La variante brasiliana rischia di diventare il nuovo mostro di questa crisi in tutta Italia. Lo dico con la preoccupazione per l’Umbria e per il Paese”: lo ha sottolineato la presidente della Regione Donatella Tesei nel corso della seduta odierna dell’Assemblea legislativa in cui ha fatto il punto dell’emergenza sanitaria alla luce delle varianti covid.

“Sono noti nuovi focolai a Bologna, nelle Marche, in Abruzzo, a Messina, in Molise, in Toscana, mentre l’Alto Adige fa un lockdown di tre settimane – ha aggiunto la presidente – La nostra regione è la prima che si è trovata ad affrontare questa nuova variante. Non ho dubbi che, tutti insieme, supereremo questa nuova terribile sfida”.

Ripercorrendo le fasi più recenti dell’emergenza Covid la presidente della Regione ha ricordato che “due varianti del virus, quella inglese e quella brasiliana, hanno colpito la nostra regione in modo diffuso.

Nella settimana dal 22 al 28 gennaio c’è stato un incremento dei contagi di 448 unità, i positivi a quota 5.004, ricoveri a quota 400 e terapie intensive 53. Ci ha colpito la forte difformità tra provincia di Perugia, in rapido aumento, e Terni, oltre alla diffusione del contagio fra giovani e giovanissimi, con 90 classi della scuola primaria e 34 della scuola d’infanzia già in isolamento. A fronte di ciò ho chiesto una informativa alla Sanità e al Comitato tecnico scientifico, che ha evidenziato il balzo nei contagi fra i 6 e i 10 anni e nella fascia 11-13, con molti cluster scolastici. Furono chieste misure restrittive adeguate a limitare il contagio nelle aree comunali individuate.

Il 29 gennaio scrissi ai sindaci proponendo, in una logica di totale collaborazione istituzionale, adeguate misure restrittive. La Regione non poteva intervenire in quel momento su problemi locali di sindaco e asl. Da lì le ordinanze, che dimostrano la virtuosa collaborazione fra le istituzioni.

Nel frattempo, prese le misure sanitarie necessarie, i nostri ricercatori hanno lavorato per capire le cause di questo andamento anomalo.

Il responso dell’Iss è stato che su 33 campioni inviati dall’Umbria 18 erano con variante inglese e 12 brasiliana, di cui 2 casi di reinfezione. È stata istituita una cabina nazionale sul caso Umbria: ci hanno chiesto di adottare estrema cautela e massima mitigazione nelle aree colpite.

È stato riconosciuto dall’autorità nazionale il valore scientifico del lavoro svolto in Umbria da tecnici, Cts e equipe epidemiologica.

Sabato scorso ho chiesto l’adozione misure ad elevato contenimento per il principio di massima precauzione, azioni fortemente restrittive sulle scuole primarie e identificazione delle aree di crisi. La variante inglese colpisce i piccoli e la brasiliana, ancora poco conosciuta, si è rivelata molto contagiosa.

Ho fatto la cosa che avrebbe fatto qualsiasi governatore, affrontando l’impopolarità a tutela della salute degli umbri. Un momento di grande dolore, di sacrifici, ho a cuore i nostri giovani. Abbiamo cercato di riaprire le scuole in modo sicuro, facendo tamponi, screening, da oggi per le fasce più giovani. Trasporti al 50 per cento del riempimento, mentre su scala nazionale sono all’80″.

Sui vaccini, unica soluzione al virus – ha detto ancora la residente -, ricordo che l’Umbria è la quinta regione per vaccini somministrati su dosi ricevute: il 91,8 per cento. Hanno completato il ciclo vaccinale l’1,23 per cento della popolazione in prima fascia, il dato nazionale è 1,36. L’Umbria è stata riconosciuta fra le regioni più attente sul rispetto della somministrazione alle categorie come previsto dal governo. Oggi ci restano 3.500 vaccini, un’autonomia di due giorni, ma domani dovrebbero arrivarne altri dalla struttura di Arcuri.

Questa settimana terminiamo la vaccinazione di personale sanitario e di trasporto sanitario. Poi toccherà agli ultra80enni, ai medici, agli odontoiatri. Dopo toccherà a disabili, insegnanti, forze dell’ordine, pubblica utilità, poi altre categorie di età. Ci sarà una campagna di vaccinazione forte, di cui si potrebbe occupare direttamente questa Presidenza.

Oggi la conferenza Stato-Regioni sui piani vaccinali: ci sono cambiamenti continui per le consegne da parte delle varie aziende e altre questioni che si stanno prospettando a causa delle varianti.

Seguiamo la scienza, siamo ai tavoli, seguiamo ciò che il commissario Arcuri ci prospetta. La nostra organizzazione vaccinale è partita: 27 team vaccinali, 12 sedi, 13 team itineranti sul territorio, con una capacità vaccinale di oltre 1800 somministrazioni al giorno, un numero molto superiore ai vaccini che il governo ci sta inviando. Tante le misure che ci dovranno consentire di rispondere all’emergenza in 15 giorni, perché siamo in guerra, e in guerra non ci si divide, si risponde in modo corale all’aggressione del nemico. Sono convinta che con il senso di responsabilità che ci caratterizza, assumeremo in modo corale le decisioni.

Il virus ha assunto forme più violente e diffusive, ed è stato individuato con velocità, come ha riconosciuto anche il ministero della Salute. Riusciremo a fronteggiare questa situazione – ha concluso Tesei -, anteponendo a tutto il bene dei cittadini e dei giovani. Cercheremo di far fronte a tutto”
   

Related Articles

Back to top button