Attualità

Istituti Briccialdi, l’occupazione è finita

TERNI – Occupazione interrotta al Briccialdi. Lo hanno comunicato le rsu dopo l’incontro avvenuto ieri tra il sindaco Latini e il vicesindaco Giuli che ”hanno dichiarando – spiegano le rsu – disponibilità all’apertura di un’interlocuzione”.

“Un segnale molto importante di collaborazione – si legge in una nota stampa diramata dalla rsu del Briccialdi – che si aggiunge ai colloqui avvenuti negli ultimi giorni con il Vicepresidente della Regione Umbria e la Presidente dell’Istituto”.


“I docenti dell’Istituto – prosegue la nota – danno atto a tutte le istituzioni coinvolte di aver riconosciuto l’importanza dell’occupazione messa in atto dai dipendenti del Briccialdi e votata all’unanimità dall’assemblea dei lavoratori, attribuendo la necessaria attenzione alle preoccupazioni espresse dal corpo docente e impegnandosi in un confronto che coinvolga tutte le istituzioni interessate al Briccialdi, anche in base a quanto formalmente richiesto dalle organizzazioni sindacali nazionali Flc CGIL e Uil Scuola Rua. Pertanto annunciamo l’immediata sospensione dell’occupazione dell’istituto, pur mantenendo lo stato di agitazione”.

“Il riconoscimento del ruolo dei docenti dell’istituto Briccialdi – si legge ancora – e la possibilità di contribuire attivamente nel processo di statalizzazione dell’Istituto, che porterà una volta per tutte alla soluzione dei problemi, saranno la garanzia della nostra vigilanza, nei prossimi mesi, affinché la disponibilità e il supporto avuto da tutte le istituzioni, in questi giorni di occupazione, si concretizzino in un risultato definitivo”.

“Ringraziamo ancora i docenti che, con grande senso di responsabilità e sacrificio, sono rimasti nell’istituto cinque giorni e quattro notti e che da oggi potranno tornare alla vita di tutti i giorni.
La coerenza dimostrata nel mantenere la scelta iniziale di occupare, anche nei momenti di inevitabile tensione e nervosismo, e resistendo ai toni accesi e alle pressioni, si è rivelata la scelta vincente”.
(foto Nunzio Foti)

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button