Cronaca

Imprenditore trovato morto in un tombino, è mistero a Bastia. Spunta l’ipotesi dell’incidente

BASTIA UMBRA- E’ mistero sulla morte di un imprenditore di Bastia Umbra trovato senza vita ieri sera nelle campagne dell’Assisano con la testa riversa in un tombino nei pressi di Ponterosso. Pare che l’uomo abbia raggiunto quel luogo con l’auto e il cane. Pare che proprio il rientro a casa del cane senza il padrone abbia fatto scattare l’allarme e le ricerche. Sul posto del ritrovamento si sono portati i carabinieri, la scientifica, il magistrato di turno, Valentina Manuali, e il medico legale. Secondo quanto si è appreso il corpo dell’uomo sarebbe stato ritrovato “posizione innaturale” dentro un tombino. Tutte da chiarire le cause del decesso. Al momento tutte le piste sono aperte compresa quella dell’omicidio anche se nessun segno evidente di violenza è stato trovato finora sul corpo dell’imprenditore di 50 anni. Anche l’esame medico-legale esterno eseguito oggi ha infatti confermato l’assenza di segni di violenza anche se sarà comunque l’autopsia a chiarire le cause del decesso. Nelle ultime ore ha preso quota l’ipotesi dell’incidente. Un’ipotesi che sarebbe avvalorata dai nuovi controlli svolti oggi nell’area dove è stato trovato il cadavere. Nel pozzetto sarebbero stati recuperati alcuni effetti personali dell’imprenditore. L’ipotesi dunque è che l’uomo possa essersi introdotto nel tombino forse per recuperarli.
L’imprenditore, Domenico Pelagatti, era molto conosciuto sia per la sua attività di installatore di pareti di cartongesso che per la sua passione calcistica che lo aveva portato a ricoprire anche incarichi in alcune società sportive.
SEGUONO AGGIORNAMENTI

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button