Attualità

“Gara Usl Umbria 2, dopo la sospensione riconsiderare la gara nel suo complesso”

Dopo la sospensione della gara per i servizi socio sanitari della USL Umbria 2 Federsolidarietà e Legacoopsociali chiedono di riconsiderare la procedura rendendola coerente con le linee di indirizzo sugli appalti pubblici approvate dal Consiglio Regionale dell’Umbria nella seduta dello scorso 13 luglio. La risoluzione, infatti, riconosce il valore degli appalti pubblici per la crescita economica e la coesione sociale e individua come obiettivo il superamento delle gare al massimo ribasso al fine di garantire la qualità dei servizi stessi erogati alla cittadinanza e alle persone fragili e i diritti dei lavoratori. La risoluzione inoltre impegna la Giunta ad adoperarsi affinchè le procedure di affidamento relative ai servizi di welfare tengano conto del progetto tecnico elaborato per la gestione dei servizi, delle esperienze maturate nel settore, della capacità di rapporto con il territorio, della validità del progetto di intervento in relazione agli obiettivi individuati dall’ente, della professionalità e della qualificazione degli operatori e della modalità di coinvolgimento degli utenti e dei loro familiari.

“La scorsa settimana – afferma Andrea Bernardoni, presidente di Legacoopsociali – il Consiglio Regionale dell’Umbria ha approvato all’unanimità una risoluzione molto importante in materia di appalti pubblici che impegna la Giunta ad adoperarsi affinché i committenti regionali non utilizzino nelle gare relative ai servizi di welfare formule legate al massimo ribasso, sia nelle forma che nella sostanza. Con questo atto le forze di maggioranza e di opposizione hanno sottolineato l’importanza della qualità dei servizi di welfare per la Regione Umbria esprimendo un indirizzo politico chiaro che mette al centro dell’azione pubblica i diritti dei cittadini ed i lavoratori. La gara della USL Umbria 2, come abbiamo più volte denunciato, è nei fatti una gara al massimo ribasso che non prevede la presentazione del progetto tecnico da parte dei concorrenti. Questa gara è in chiara contraddizione con quanto deliberato dal Consiglio Regionale e per queste regioni auspichiamo che la USL Umbria 2 riconsideri la gara rendendola coerente con gli indirizzi in materia di appalti pubblici definiti dal Consiglio Regionale”.

“Come avvenuto per l’approvazione della risoluzione sugli appalti – aggiunge Carlo Di Somma, presidente di Federsolidarietà – auspichiamo che con spirito by partisan le forze politiche di maggioranza e di opposizione approvino al più presto una legge regionale su questo argomento, ponendo particolare attenzione alle persone più fragili. In materia di appalti abbiamo idee e proposte che metteremo a disposizione del confronto pubblico. Inoltre crediamo che la Regione Umbria debba intraprendere con decisione il percorso dell’accreditamento per i servizi di welfare come fatto negli ultimi dieci anni da altre regioni all’avanguardia in materia di welfare come la Lombardia, il Veneto e l’Emilia Romagna. Le gare di appalto, infatti, anche se fatte in modo corretto frenano gli investimenti dei soggetti privati che potrebbe offrire un importante contributo per innovare i servizi di welfare della nostra regione”.

Related Articles

Back to top button