Economia

Engie disdetta il contratto collettivo di lavoro. Agitazione dei dipendenti

Il gruppo Engie, che conta anche i lavoratori della centrale di Nera Montoro presso il sito Alcantara, ha proceduto alla disdetta unilaterale del contratto collettivo di lavoro. I dipendenti hanno già avviato il blocco degli straordinari e il 16 febbraio fermeranno la centrale di Nera Montoro per l’astensione totale dal lavoro.

“Nemmeno nei nostri peggiori incubi – scrivono Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil di Terni – avremmo potuto immaginare qualcosa del genere. La fuoriuscita dal contratto elettrico, infatti, non significa per i lavoratori soltanto la perdita di reddito e contributi ma anche, se non soprattutto, il mancato riconoscimento delle proprie professionalità. Professionalità che – sottolineano i sindacati – non possono certo essere rappresentate dal contratto metalmeccanico che, oltre a non prevedere adeguati livelli di inquadramento economico, non prevede una normativa adatta in termini di organizzazione e sicurezza del lavoro”.

Filctem, Femca e Uiltec, esprimendo “solidarietà e vicinanza ai lavoratori”, sottolineano che “l’obbiettivo resta quello di riaprire le trattative per ripristinare il contratto collettivo nazionale di lavoro elettrico”

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button