IntervistePoliticaVideo news

Crisi politica a Terni, Napolini: “Servono volti nuovi e senza maschere”

TERNI – “Cogliere l’occasione di questa sconfitta elettorale e fare tesoro dei dati negativi che hanno determinato questa situazione per mettere in campo un cambiamento radicale nel territorio e nelle istituzioni attraverso volti nuovi e senza maschere”.

E’ un fiume in piena Folco Napolini, regista ternano, da sempre impegnato politicamente a sinistra, e nel sociale (testimonial per la Pace nel mondo), che si abbandona a un’analisi post voto che partendo dal dato nazionale approda alla situazione ternana. “L’analisi è presto fatta, i numeri parlano da soli – dice Napolini – troppa euforia e la personalizzazione del referendum da parte di Renzi hanno messo in evidenza quelli che erano e sono i mali del Pd: avere dei riferimenti di natura politica che hanno determinato situazioni di disequilibrio perdendo di vista gli interessi e i problemi della gente”.

A livello locale, secondo Napolini: “il Pd è entrato con troppa forza nell’amministrazione comunale, facendo scelte anche azzardate per ciò che riguarda la formazione delle varie giunte e generando questo stato di cose e mettendo anche in difficoltà il sindaco. Sindaco che – conoscendolo – per amore del partito si è immolato in questo finale da tragedia”.

Napolini parla anche del movimento civico, “in grande fermento a Terni”. “A livello nazionale questi movimenti ci hanno insegnato tante cose e hanno dato anche tante risposte positive – dice ancora Napolini – A Terni invece c’è la difficoltà atavica del ‘Io so’ più bravo di te. Io so mejo de te’, e questo porta a quella volontà di non unità. Io consiglio e dico che la cosa più importante da fare è un processo di nuova cultura di vita dove l’altro non è migliore, peggiore ma uguale a me. Mi riporto quindi alla teoria del lupo: il leader rimane sempre in coda al branco non si mette in testa, in testa ci vanno i più vecchi e stanchi. Se riusciamo con umiltà a conoscere e a capire anche che c’è bisogno di una cultura nuova, dove ci mettiamo tutti intorno a un tavolo per il bene comune e non per il bene personale, allora Terni saprà risollevarsi e anche molto presto”.

Folco Napolini si candida a sindaco?
“Io non sono un esecutore, sono una persona che propone”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button