Politica

Caos, il M5S all’attacco del Comune: “Prima affida il servizio e poi non controlla”

TERNI – “Più che l’affidamento di un servizio, quello del Caos, a un esterno, ci è sembrato un abbandono da parte dell’amministrazione comunale del servizio stesso”. Federico Pasculli e Valentina Pococacio (M5S), presidente e membro della quarta commissione consiliare, hanno tenuto una conferenza stampa per illustrare il lavoro fatto negli ultimi sei mesi relativo al controllo del sistema museale. Un lavoro che ha portato alla luce diversi punti alcuni risolti, altri scoperti a cominciare dai contenziosi che Civita, la capofila dell’Ati aggiudicataria del bando, ha con Asm e Sii per 48 mila euro di tari, con la prima e 49euro per una bolletta d’acqua con la seconda. E poi la questione del Cpi, il certificato prevenzione incendi che, dal 2009, è arrivato solo a giugno del 2016, la mancata copertura assicurativa delle opere, la canna fumaria del Fat non a regola. Insomma una gestione – secondo M5S- fuori controllo.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button