AttualitàEconomia

Camera di commercio di Terni: modesti segnali di ripresa tra le imprese locali

TERNI – Modesti segnali di ripresa arrivano da Movimprese, rilevazione trimestrale condotta da Unioncamere-Infocamere sulla banca dati dei Registri delle Imprese, ed elaborati dall’Ufficio Informazione economica della Camere di Commercio di Terni. I dati riferiti al 30 giugno 2017 indicano che nella provincia di Terni le imprese registrate sono 21.711, di cui 18.289 risultano attive.

Nel corso del trimestre da poco concluso nella provincia ternana si rilevano 346 iscrizioni, a fronte delle quali si sono avute 192 cessazioni al netto di quelle d’ufficio che in questo periodo risulta essere soltanto 1. La differenza tra iscrizioni e cessazioni nette ha come risultato un saldo positivo di 154 unità; il tasso di crescita imprenditoriale risulta pertanto positivo dello 0,71% mentre a livello regionale il tasso è pari a +0,59%.

La variazione positiva del saldo tra iscritte e cessate tuttavia risulta meno consistente rispetto allo stesso periodo dello scorso anno in cui la variazione positiva aveva raggiunto le 169 unità (395 iscrizioni e 226 cessazioni nel II trimestre del 2016).

Nel settore artigiano si registra finalmente, dopo un periodo lunghissimo di sofferenza, un saldo positivo tra imprese iscritte e cessate di 13 unità; anche a livello regionale il dato è positivo per un totale di 72 imprese in più rispetto al 2016.

A livello settoriale il comparto che evidenzia la performance migliore è il commercio: nel secondo trimestre raggiunge le 74 iscrizioni contro le 64 cessazioni con un saldo positivo di 10 unità. L’agricoltura con 55 iscrizioni e 26 cessazioni dimostra una buona dinamicità (saldo +29 unità). Saldo positivo anche per il settore che riguarda i servizi alle imprese e le agenzie di viaggio (+7 unità). Permangono le difficoltà nel settore dei trasporti nel quale risulta un saldo negativo di 3 unità con nessuna nuova iscrizione nel trimestre a fronte di 3 nuove cessazioni.

Per ciò che riguarda le forme giuridiche, l’andamento positivo migliore riguarda le società di capitali (+78) e le imprese individuali (+62); le altre forme giuridiche evidenziano saldi positivi con minore intensità (società di persone +11 e altre forme +3).

“I dati del II trimestre 2017 – afferma il presidente della Camere di Commercio di Terni Giuseppe Flamini – indicano dei modesti segnali di ripresa del sistema imprenditoriale locale, che evidentemente sta orientando le proprie scelte nei confronti delle giuste strategie di digitalizzazione e internazionalizzazione quali fattori essenziali per lo sviluppo aziendale. Altro dato da osservare con attenzione in futuro – conclude il presidente Flamini – è quella che almeno nei numeri appare una inversione di tendenza rispetto al trend negativo che ha contraddistinto il settore artigiano nel corso degli ultimi anni, con la speranza di un consolidamento di questo timido segnale di ripresa”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button