Attualità

Ast, la direzione aziendale conferma: “Avviata la fase 3 della vendita”

TERNI – Fim-Fiom-Uilm-Fismic-Ugl-Usb hanno incontrato, la direzione aziendale, alla presenza dell’amministratore delegato Massimiliano Burelli, il direttore del personale Alessandro Rusciano e del direttore di stabilimento, Dimitri Menecali.

L’amministratore delegato ha sostanzialmente confermato l’effervescenza del mercato e il trend positivo sulla produzione. Anche per quanto riguarda il processo di vendita viene confermata la tempistica già nota, ribadita nei precedenti incontri, e che è prerogativa di una complessa operazione tra l’altro assoggettata alla procedura anti-trust, per ora quindi, si è avviata la fase 3 con la presentazione di alcune offerte vincolanti.

Fim-Fiom-Uilm-Fismic-Ugl-Usb hanno chiesto, come sempre, che i piani industriali oltre ad essere di sviluppo per l’azienda garantiscano gli assetti produttivi, i livelli occupazionali e salariali dei lavoratori diretti e dell’indotto, nonché l’integrità del sito nel suo complesso. La direzione aziendale ha confermato per il momento i piani di sviluppo e che le offerte riguardano l’intero del sito, scongiurando il rischio dello spacchettamento.

Le Organizzazioni Sindacali ritengono che tutti i soggetti in campo devono svolgere il proprio ruolo per difendere la più volte dichiarata strategicità delle produzioni, e che in questa delicata fase non servono più annunci ma azioni concrete, senza nessuna speculazione, questa è stata in passato l’unica condizione per risolvere le criticità.

Per quanto riguarda le altre questioni aperte si è affrontato il tema del cambio di appalto del MetalRecovery, registrando l’avvio dei tavoli di confronto tra le parti e la volontà di tutti di difendere l’occupazione e il salario dei lavoratori interessati. Sulla verifica dell’accordo ponte e la relativa procedura di mobilità degli impiegati amministrativi si proseguirà il confronto nei prossimi giorni.

Related Articles

Back to top button