Cronaca

Riduzione in schiavitù, tratta di esseri umani e prostituzione: due arresti

PERUGIA – Una coppia di coniugi nigeriani è stata arrestata dalla polizia di Perugia per riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione, il tutto con l’aggravante della transnazionalità. Soggezione non solo fisica ma anche psicologica esercitata paventando gravi conseguenze realizzate attraverso la sottoposizione a riti voodoo usati per incentivare le vittime a versare i compensi delle loro prestazioni sessuali agli sfruttatori. Secondo gli investigatori della squadra mobile di Perugia, i due coniugi nigeriani, lui di 45 anni e lei di 40, entrambi regolari sul territorio nazionale e residenti a Perugia, costituendo i vertici di un più ampio sodalizio criminale, organizzavano, con altri soggetti operanti in Nigeria e in Libia, la tratta di giovani donne africane, che, una volta giunte nel nostro Paese, venivano ridotte in schiavitù e costrette a prostituirsi per rimborsare le spese sostenute dagli organizzatori per il loro viaggio dall’Africa all’Italia.

La polizia ha quindi smantellato l’intera organizzazione criminale. Un terzo cittadino nigeriano, con un ruolo meno centrale, è stato indagato in stato di libertà.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close