AttualitàEventi, arte e culturaVideo news

“Il Re muore” dell’Orion Theatre conquista il pubblico del Secci

TERNI – Una vera e propria standing ovation quella tributata dal pubblico del Secci alla compagnia Orion Theatre che ha portato in scena per “Il Re muore” opera teatrale di Ionesco.

Magistrale l’interpretazione di re Berenger da parte di Marco Francescangeli, che della rappresentazione è stato anche il regista. Applausi pure per Sara Masci nei panni della Regina Marguerite, Patrizia Della Torre Regina in quelli di Marie, Andrea Mengaroni, il Medico, Agnese Cascioli, Juliette, e Mauro Di Lelio, la guardia. Le musiche originali sono state firmate da Simone Alicata e le scene e i costumi di Agnese Cascioli.

“Il Re muore” è una grande metafora della vita per raccontare la crisi della modernità. Al suo apparire sulle scene parigine nel dicembre 1962, l’opera fu salutata da una larga parte della critica come il vertice più alto raggiunto dalla creazione drammatica di Ionesco. Alcuni l’hanno definita tra quelle più significative del teatro contemporaneo, mentre altri critici “un capolavoro della letteratura drammatica moderna”.

Tre sono i momenti principali in cui si articola la narrazione. Il primo si svolge in assenza del Re, quando le sue due mogli, la cameriera e una guardia ottengono conferma della prossima e inevitabile sua morte. Il secondo ha al centro lo stesso Sovrano dell’universo, Bérenger, nel momento in cui riceve l’annuncio del proprio decesso imminente. Il terzo, infine, conduce lo spettatore nel cuore del dramma attraverso le tappe dell’agonia regale, quando i diversi personaggi che lo circondano cercano ciascuno di far abdicare di propria volontà il sovrano: sino a che la morte del Re coincide con la fine stessa del mondo, o se si preferisce del teatro.

Certamente un testo complicato che l’Orion Theatre ha interpretato magistralmente.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button